Meditare nella Val di Funes

Meditare nella Val di Funes

Sono millenni che la montagna guarda il mondo e i suoi abitanti dall’alto delle sue sommità. Ciò che è cambiato nel tempo è il mondo in cui l’uomo la “consuma”.
Nella Val di Funes, ad esempio, c’è qualcuno che insegna ai visitatori a meditare tra alberi e ruscelli.

Imparare a meditare in Val di Funes

Imparare a meditare in montagna. Sono millenni che la montagna guarda il mondo e i suoi abitanti dall’alto delle sue sommità. Con i suoi paesaggi boschivi e la fauna che la popola, la montagna è per molti la rappresentazione in natura della solidità, della stabilità e della concretezza.

Ciò che è cambiato nel tempo è piuttosto il mondo in cui l’uomo la “consuma”.

Come imparare a meditare con Braito

In montagna si può, imparare a meditare. Lo sostiene Stefan Braito , fondatore di Dolomiti Dreaming©, un’associazione con sede a Santa Maddalena nella Val di Funes (Bolzano) che ha come missione far scoprire a locali e visitatori la forza e le potenzialità inesplorate del territorio montano.

Prima di lavorare come coach della montagna, Stefan Braito, che a Santa Maddalena è nato e cresciuto, ha svolto diverse professioni, inclusa quella del carabiniere. A noi di Everyday Climbers ha raccontato: “Ho fatto molte esperienze nella mia vita e ho tanto viaggiato, ma poi ho deciso che era giusto e importante per me rimanere nella Val di Funes per vivere e far vivere il luogo da dove provengo in maniera più profonda”.

È da questo bisogno personale che Braito ha mutuato negli anni un suo particolare approccio alla montagna che oggi condivide con gli altri promuovendo corsi e percorsi, seminari, conferenze e libri: “Chi va in montagna spesso è contento di “consumare” una passeggiata o un pranzo nella baita con la famiglia. A me piace l’idea di aiutare le persone ad entrare nello spirito della montagna imparando a meditare”.

Le proposte di Dolomiti Dreaming

Spiega ancora il coach: “La montagna è lì da sempre, è fatta di sassi che servono per orientarsi. Chi la visita si sente accolto come in un nido. Al tempo stesso, può rappresentare un muro, un limite oltre cui è impossibile andare. Attraverso i miei percorsi io invito le persone a trovare un equilibrio tra la possibilità di raggiungere una propria stabilità e quella di superare i propri limiti”.

Nel corso dell’anno Dolomiti Dreaming© offre esperienze di varia natura rivolte anche ai bambini come il programma “Bambini della Terra” all’interno del progetto La Scuola Leoni di Montagna o il fine settimana di meditazioneL’Arte del Silenzio” durante il quale i partecipanti si immergono nella natura per 30 minuti o un’ora e, attraverso il respiro e alcune tecniche di rilassamento, hanno l’opportunità di “entrare in uno spazio con dignità e sentire di poter essere al di là di avere o fare”.