Tutti i vantaggi di fare running in salita

Contacttaci

Tutti i vantaggi di fare running in salita

Correre affrontando una pendenza è un’opportunità per dare una marcia in più, abituando muscoli, cuore e polmoni alle fatiche improvvise. Ne parliamo con Carlo Mannini, maratoneta e preparatore atletico.

AGGIUNGI AI PREFERITI
il running in salita e i vantaggi per il nostro corpo

All’interno di una tabella di allenamento, la corsa in salita viene spesso poco considerata dagli atleti perché ritenuta fastidiosa e decisamente troppo faticosa.

In realtà secondo molti preparatori atletici la corsa rappresenta uno degli esercizi più importanti, duro ma estremamente gratificante.

Secondo Carlo Mannini, maratoneta e preparatore atletico fiorentino, il runner che si allena in salita migliora la resistenza e il sistema cardiovascolare, abituando cuore e polmoni a stress intensi e improvvisi.

Però, come tutte le cose utili, queste attività vanno sapute dosare con la consapevolezza del fisico, dell’età e dei limiti di ciascuno.

In realtà gli allenamenti di running in salita sono di due tipi:

1. Corsa breve e ripida

“C’è la corsa breve (50-100 metri all’inizio) con una pendenza del 10% (circa tre piani di un’abitazione) per costruire forza sui muscoli.

Queste corse vanno ripetute circa dieci volte con un recupero tra uno sforzo e l’altro di 1-2 minuti. In questo caso non è necessario correre, si può anche camminare, l’importante è raddoppiare le distanze con il proseguo degli allenamenti” racconta Mannini “In assenza di percorsi in salita, si può provare con le scale: cinquanta gradini fatti due alla volta”.

2. Corsa lunga e pendenza ridotta

La seconda tipologia di corsa in salita è invece più lunga (500-1000 metri) e con una pendenza inferiore (6-7%), utile per affrontare le distanze di maratona e per ‘rompere il fiato.

La ripetizione dell’allenamento deve essere fatto dalle cinque-sette volte.”

LA FATICA RIPAGATA DELLA CORSA

Queste due tipologie di allenamento devono essere ripetute ogni dieci giorni, l’importante è non esagerare con gli sforzi.

“Queste prove intense accumulano acido lattico nei muscoli e può accadere che il corpo non abbia la capacità di smaltirlo. All’inizio la fatica è tantissima: ma se svolte con regolarità queste prove con il tempo diventeranno sempre meno stressanti”.

1 km Levissima alla Milano Marathon

Oggi la pratica delle corse in salita è diventato così comune che in molte maratone nazionali e internazionali è previsto un tratto in salita. Così sarà anche nella storica Milano Marathon (2 aprile 2017) per la quale Levissima è Official Partner.

Le iscrizioni per la Milano Marathon scadono il 15 marzo. Cosa state aspettando?

AGGIUNGI AI PREFERITI
WordPress Video Lightbox
Acquista L’acqua Levissima