MINDFULNESS: UNA DELLE TECNICHE DI MEDITAZIONE PIÚ DIFFUSE

Contacttaci

MINDFULNESS: UNA DELLE TECNICHE DI MEDITAZIONE PIÚ DIFFUSE

È tra le soluzioni anti-stress più consigliate tra amici e colleghi. In inglese vuol dire consapevolezza, ma la mindfulness è molto di più. Come agisce e, soprattutto, funziona davvero?

AGGIUNGI AI PREFERITI
Corso di mindfulness, ecco come funziona

Nonostante sia nata oltre 2600 anni fa, in anni recenti la mindfulness si è afferma come tecnica di meditazione tra le più diffuse grazie all’impegno del monaco buddhista di origini vietnamite e attivista per i diritti umani Thich Nhat Hahn.

In Italia fioriscono corsi, libri e persino applicazioni mobile dedicate. Per sapere in che cosa consiste, come agisce sul corpo e sulla mente e, soprattutto, se funziona davvero, noi di Everyday Climbers abbiamo intervistato la Dott.ssa Anna Maria Veronesi, medico estetico e termale di Pavia, che, dopo averne scoperto l’esistenza, ne è rimasta folgorata al punto di studiare e proporre ai suoi pazienti un nuovo approccio di medicina integrata.

CHE COS’È LA MINDFULNESS

Everyday Climbers (EC): Dottoressa Veronesi, cos’è esattamente la mindfulness?

Anna Maria Veronesi (AV): Molti credono che la mindfulness sia legata alla spiritualità. In realtà è una tecnica di meditazione molto efficace che consente di mettersi in contatto con sé stessi e fare un po’ di ordine.

Tutti noi abbiamo degli automatismi che ereditiamo dai nostri genitori. Riusciamo a razionalizzare solo il 5% di ciò che ci accade. Al restante 95% rispondiamo in maniera automatica, attingendo cioè dal nostro “deposito emozionale” o subconscio.

Per modificare i comportamenti automatici che non ci piacciono o che ci fanno vivere male, non è sufficiente volerlo razionalmente, ma è necessario aiutarsi con tecniche diverse.

EC: Qual è il carattere distintivo della mindfulness e perché, secondo lei, funziona meglio di altre tecniche?

AV: La caratteristica peculiare della mindfulness è essere un tipo di meditazione che si applica qui e ora, nel presente. Infatti, il passato è andato e su di esso non possiamo più agire in nessun modo; il futuro, invece, è ricco di incertezze di cui non bisogna preoccuparsi. Essere consapevoli del qui e ora è il primo passo verso la costruzione del proprio futuro.

EC: Quali sono, secondo lei, gli ostacoli maggiori che le persone incontrano nel perseguimento del proprio benessere psico-fisico?

AV: La maggior parte di noi manca di autostima, non si vuole bene e, quindi, non è felice. Questo incide profondamente sulla nostra condizione fisica. Assumere delle posture sbagliate o non prendersi cura del proprio aspetto esteriore sono solo alcuni dei segni evidenti di un malessere molto comune.

EC: Lei è pioniera in Italia, e non solo, di un tipo di medicina estetica integrata. In cosa consiste?

AV: La medicina estetica integrata si occupa dello stato dell’aspetto fisico del paziente, ma anche del suo livello energetico e della sua condizione psicologica.

Quando arriva un nuovo paziente da me, mi pongo in ascolto, applico il trattamento estetico del caso e se la persona lamenta la presenza di malesseri come la mancanza di sonno o delle forme di nevrosi, consiglio di praticare almeno 5 minuti di mindfulness scaricando l’applicazione mobile Insight Timer.

È stato provato scientificamente che 20 minuti di meditazione al giorno per almeno 3 mesi aumentano del 40% la presenza dell’ormone DHEA, il quale influisce positivamente su numerose funzioni psico-fisiche.

E voi, avete mai praticato la mindfulness? Che benefici ne avete tratto?

AGGIUNGI AI PREFERITI
WordPress Video Lightbox
Acquista L’acqua Levissima