Contacttaci

5 consigli per imparare al meglio la tecnica del panning

  Dalla posizione parallela allo scatto a raffica, dall’apertura del diaframma all’inquadratura verticale ampia, ecco alcuni consigli per l’effetto panning.

AGGIUNGI AI PREFERITI
Scopri come realizzare al meglio l'effetto panning

Non è sempre facile riuscire a ritrarre un soggetto in movimento in un’attività outdoor o un’attività sportiva. Il più delle volte si rischia di vedere il soggetto principale mosso o sfocato e, in questo caso, la foto non si può considerare ben riuscita.

Tutto sta nell’utilizzare al meglio la tecnica del panning, ovvero quella che permette di catturare l’immagine del soggetto in movimento ma perfettamente a fuoco e rendere mosso lo sfondo. Abbiamo chiesto al nostro fotografo di fiducia Paolo Camilli di darci cinque consigli pratici per utilizzare al meglio questa tecnica, soprattutto nell’ottica dell’#EverydayClimbers Magazine e quindi di scatti di attività outdoor e inquadrature verticali.

Posizione e inquadrature

Per realizzare un panning efficace è necessario posizionare la macchina fotografica impugnandola in posizione perfettamente parallela rispetto al soggetto in movimento che si vuol fotografare, altrimenti si rischia di vedere anche il soggetto sfuocato e mosso in molti punti. Questo è uno dei principali errori che viene fatto da molti fotografi. Un altro suggerimento è quello di mantenere un’inquadratura un po’ più ampia rispetto al soggetto principale: in questo modo è possibile ottenere più facilmente il risultato auspicato. Successivamente, in post-produzione, verrà effettuato un ritaglio per eliminare le parti inutili e che distraggono.

Seguire il soggetto

Per maturare l’esperienza sufficiente su come seguire il soggetto in movimento nel modo corretto ci vuole molta costanza, ci sono però delle modalità che possono facilitare il compito. Una di queste è quella di impostare la messa a fuoco della fotocamera su un punto singolo (meglio quello centrale) per poi allinearlo con un punto di riferimento sul soggetto in movimento. Nel caso dell’inquadratura verticale l’operazione è ancora più semplice rispetto a quella orizzontale, in quanto il punto di riferimento è più facile da individuare.

Modalità di scatto

Il consiglio è di impostare la fotocamera sulla modalità di scatto a raffica in modo che si possa realizzare 2-3 scatti ogni passaggio del soggetto in movimento in modo poi da selezionare lo scatto migliore. La scena si svolge così velocemente che non è possibile rendersi conto se la composizione è valida o meno; lo scatto a raffica è quindi una necessità.

Dettagli tecnici

Ecco alcuni aspetti tecnici per fare un buon panning. Innanzitutto bisogna utilizzare una velocità di scatto ridotta: più lento è il soggetto in movimento e minore deve essere la velocità di scatto. Per cominciare puoi testare usando un tempo di scatto da 1/50 di secondo a 1/10 di secondo, per ottenere i primi risultati. Anche l’apertura del diaframma deve essere ridotta per ottenere immagini più definite, mentre per ottenere un buon panning è meglio usare focali più lunghe che corrispondono ad un ingrandimento maggiore e quindi basta fare movimenti più brevi per ottenere degli effetti di movimento.

Pratica

Come qualsiasi altra abilità, in fotografia e in altre discipline, anche il panning richiede molta pratica, concentrazione e pazienza. Forse anche più di altre tecniche. La migliore scuola è provare e provare di nuovo immortalando tutte le cose in movimento che vi circondano.

Non vi resta che uscire e scattare!

AGGIUNGI AI PREFERITI
WordPress Video Lightbox
Acquista L’acqua Levissima