Le 7 piste più belle di sci in Italia.

Contacttaci

Le 7 piste più belle di sci in Italia.

C’è solo l’imbarazzo della scelta: dalle Alpi agli Appennini, ecco le sette piste per lo sci alpino più eccitanti (e talvolta difficili) d’Italia.

AGGIUNGI AI PREFERITI
Le piste da sci migliori dalle Alpi agli Appennini

Abbiamo già avuto modo di parlare della strepitosa pista dello Stelvio a Bormio, sede quest’anno di una delle gare più eccitanti di Coppa Del Mondo, ma vale la pena ricordare che l’Italia è piena di piste di sci straordinarie che non hanno nulla da invidiare al resto dell’Europa; non solo nelle Alpi, ma anche nella catena degli Appennini.

Abbiamo quindi deciso di segnalarvi le 7 piste che secondo il nostro maestro di sci di fiducia e guida alpina Paolo Pirovano sono considerate tra le più belle d’Italia (per quanto riguarda gli snowpark ne abbiamo già parlato qui.

1- OLYMPIA DELLE TOFANE – CORTINA D’AMPEZZO (VENETO)

Questo tracciato dal 1993 fa parte dei tracciati per le Olimpiadi femminili di sci; è uno dei percorsi più belli e difficili del nostro paese immerso nelle Dolomiti bellunesi. Parte a 2300 metri dal rifugio Pomedes, compie un tratto abbastanza tranquillo per poi piombare in mezzo ai due roccioni con una pendenza mozzafiato. La pista alterna rettilinei a grandi curve, canaloni a muri impegnativi e finisce nel bosco con muretti sempre più ripidi che si affrontano a velocità piuttosto elevate. Maggiori informazioni qui.

2- KANDAHAR BANCHETTA – SESTRIERE (PIEMONTE)

Kandhar Banchetta è la pista da sci più famosa del comprensorio del Sestriere. Il tracciato, che scende dai 2.807 metri del monte Motta fino a Sestriere, è sinuoso ed è pensato per gli sciatori esperti che vogliono cimentarsi in curve mozzafiato e in muri impegnativi. Lungo il percorso la pista diventa più tranquilla e larga, fino all’arrivo nel bosco, dove ricominciano le discese ardite e i curvoni veloci. Qui si è svolta per la prima volta nel 1967 la Coppa del Mondo, nel 1997 i Mondiali di sci e le Olimpiadi nel 2006. Maggiori informazioni qui.

3- VENTINA – CERVINIA (VAL D’AOSTA)

Ben 11 chilometri di divertimento e adrenalina, è la pista più famosa del comprensorio Breuil-Cervinia Valtournenche, in Valle d’Aosta. Il percorso, dominato dal Cervino con i suoi 4.478 metri di altezza, parte dai 3.500 metri del Plateau Rosa, all’uscita della grande funivia, con vista sul monte Bianco, sul Gran Paradiso e sulle cime della Svizzera e scende fino ai 2.000 metri di Cervinia. La pista ha caratteristiche da “rossa” con gobbe e serpentine ma è accessibile anche per gli sciatori meno esperti in quanto larga e panoramica. Maggiori informazioni qui.

4- PISTA DIRETTISSIMA – RIVISONDOLI (ABRUZZO)

La Direttissima è sicuramente una delle più belle piste dell’Appennino e non teme il confronto con le altre blasonate alpine. Si tratta di una pista nera raggiungibile direttamente dalla stazione d’arrivo della cabinovia esaposto Monte Pratello che arriva a quota 2031 metri. È una pista molto tecnica specialmente nella parte iniziale dove è nera mentre si “addolcisce” nel finale diventando una divertente pista rossa ma sempre impegnativa. La parte alta oltre a essere la più impegnativa è anche la più panoramica, quindi potete permettervi qualche sosta giustificata ad ammirare le montagne anche per riposarvi. Maggiori informazioni qui.

5- GRAN RISA – ALTA BADIA (TRENTINO ALTO ADIGE)

La Gran Risa è sede delle gare della Coppa del mondo maschile di slalom gigante dove il grande campione di sci alpino Alberto Tomba ha gareggiato più volte. Si parte dai 2.077 metri di Piz La Ila, all’uscita della funivia, e si arriva dopo 650 metri di dislivello al paese di La Villa. Dal muro iniziale del tracciato, un cartello indica due percorsi: a destra c’è la variante più facile mentre a sinistra parte quella più difficile e famosa, consigliata solo agli sciatori più esperti, cioè la pista nera numero 17 dedicata a “Tomba la bomba”. Il percorso, lungo oltre un chilometro con un dislivello di ben 448 metri, attraversa un bellissimo bosco di conifere. Maggiori informazioni qui.

6- PISTA COLO’ 3 – ABETONE (TOSCANA)

La pista è stata disegnata nel 1974 dal mitico Zeno Colò, campione olimpico degli anni Cinquanta. Il tracciato raggiungibile dall’ovovia è una dei più belli d’Italia, non solo dal punto di vista tecnico ma anche da quello paesaggistico. Grande pregio del tracciato è il fatto che, pur non trovandosi sull’Arco Alpino, è agibile fin dall’apertura della stagione. Incredibili i suoi continui cambi di pendenza, anche se la pista è di media difficoltà, quindi percorribile anche dai meno esperti. Maggiori informazioni qui.

7-SASLONG – VAL GARDENA (TRENTINO ALTO ADIGE)

È la mitica pista nera di 3 chilometri e mezzo che corre lungo i pendi del Ciampinoi a Santa Cristina, cuore della Val Gardena. Da decenni, su questo tracciato, che prende il nome dall’imperante vetta Sassolungo, si sfidano i campioni del mondo della discesa libera e del SuperG. È un tracciato che parte da 2254 metri d’altezza, pensato per gli sciatori più esperti perché presenta molti muri e zone ghiacciate che aumentano le difficoltà e la velocità. Maggiori informazioni qui.

Ora non vi resta che trovare gli sci che più si addicono al vostro stile e livello di preparazione, e iniziate a scendere!

AGGIUNGI AI PREFERITI
WordPress Video Lightbox
Acquista L’acqua Levissima