Snowkite, una nuova spettacolare disciplina

Snowkite, una nuova spettacolare disciplina

Conoscete lo snowkite? È praticamente il kitesurfing sulle montagne. In questo articolo vi raccontiamo in cosa consiste e dove è possibile praticarlo in Italia.

Snowkite, una nuova spettacolare disciplina

Forse non tutti sanno che lo scorso mese – precisamente dal 14 al 18 febbraio – a Roccaraso (L’Aquila) nel cuore degli Appennini si sono svolti i campionati mondiali di snowkite, una nuova spettacolare disciplina montana.

Come nel kitesurfing, anche qui il vento è il requisito necessario. La vela (kite) di forma alare sfruttando le propulsioni del vento riesce a portare il rider dove vuole, sul piano, in salita ed in discesa, senza volare e senza pericolo. Lo snowkite è in fondo come uno skilift privato ed ecologico. Così come avviene tra le onde, lo stesso accade nei pendii innevati: le montagne più del mare permettono ad un kiter di dare sfogo alla propria creatività, studiare lo spot e scegliere la propria traccia.

Come funziona una gara di snowkite

Nelle gare che si sono svolte a Roccaraso non ci sono percorsi e limiti prestabiliti. il rider può avventurarsi ovunque e disegnando un perimetro più ampio possibile otterrà più punti. Vince chi durante il tempo della prova riesce a coprire una superficie maggiore.

Ogni rider indossa un dispositivo con tracciamento gps, che invia dati ogni secondo e che permette alla giuria di conoscere il tracciato percorso e le variazioni altimetriche. Altra particolare interessante delle gare di snowkite è che non c’è differenza tra le categorie sci e snowboard, uomini o donne, ma gareggiano tutti insieme.

Dove è possibile praticare lo snowkiting

È evidente che le zone dove è possibile esercitarsi con lo snowkiting devono essere senza alberi e con piste molto larghe. Oltre all’appenninica Roccaraso, ci sono corsi di snowkiting sul Tonale, a San Vito di Cadore, a LaThuile e in altre zone della Val D’Aosta.

La tendenza è quella di usare lo snowboard, ma di fatto con gli sci si ha il massimo della versatilità e si riesce a sfruttare al meglio la vela: con la tavola infatti i movimenti soprattutto nelle fasi di partenza sono limitati e anche la risalita può risultare più impegnativa. Di contro nelle zone pianeggianti lo snowboard  può essere molto più divertente. Se si è già provato il kitesurf o se si conosce lo snowboard non sarà particolarmente difficile usare la tavola, ma se non si è mai praticato tali sport allora l’avvicinamento allo snowkite è più semplice con gli sci.

Condizioni del vento

Nella maggior parte dei casi sono sufficienti 8-10 nodi per divertirsi. Le condizioni ideali però si hanno quando si arriva attorno ai 15 nodi. Ogni spot lavora con venti diversi rispetto ad altri, quindi è consigliabile studiarlo sempre accuratamente prima di usare lo snowkite. Il vento in montagna è soggetto a variabili diverse dalle condizioni marine: ad esempio le correnti ascensionali sono una cosa normale nelle zone montuose e possono rappresentare un pericolo se sottovalutate.

Ora che sapete di cosa si tratta, vi piacerebbe provarlo?